Frutti di bosco: facili da coltivare e buoni da mangiare

Pubblicato il : 08/01/2017 17:42:37
Categorie : Frutti di bosco

Frutti di bosco: facili da coltivare e buoni da mangiare

Con il termine frutti di bosco vengono indicati lamponi, more, mirtilli, ribes e fragoline di bosco, tutti frutti le cui piantine ben si adattano ad essere coltivate anche in zone, come le aree montane, non favorevoli a molte altre colture.

Chiunque ha l'opportunità, seguendo alcuni piccoli consigli, di portare in tavola frutti coltivati con le proprie mani, freschi, profumati e resi speciali da un sapore unico. Estremamente piacevoli al palato, i frutti di bosco racchiudono importanti elementi nutritivi, soprattutto vitamine (A e C), che si mantengono sostanzialmente invariati anche se il consumo avviene sotto forma di succhi e conserve. Si rivelano ottimi antiossidanti, sorprendendo per il loro impatto positivo sulla salute dei capillari. Oltre che all'interno dell'orto, in un'area esposta al sole e possibilmente riparata dal vento, potrai esporre le piante in giardino e sul balcone, all'interno di vasi, infatti la crescita può avvenire senza problemi anche in contenitore. Le piante sono poco soggette ad attacchi da parte dei parassiti; questo le rende adatte a coltivazioni biologiche e naturali.

Assicurando terreno fresco e irrigazioni regolari, potrai ottenere frutti in grandi quantità. Noi di SoloPiante siamo pronti a fornirti tutti i consigli di cui avrai bisogno.

 

La pianta del ribes produce tre tipologie di frutti, che si distinguono per il loro colore (sono, rispettivamente, bianchi, neri e rossi). Una caratteristica peculiare di tale pianta è il fatto che il freddo invernale ne favorisce la fruttificazione. La coltivazione può essere condotta anche su terreni poco fertili, purché non eccessivamente aridi o umidi. Se i frutti neri prediligono terreni neutri o alcalini, quelli rossi si adattano meglio ad un terreno acido. Per quanto riguarda la potatura, praticandola ogni fine anno favorirai la nascita di nuovi steli. In autunno, invece, potrai procedere ad una concimazione di tipo organico. Trattandosi di una pianta autoimpollinante, la sua fruttificazione è garantita.

Ecco le varietà di ribes disponibili per l’acquisto: Ribes bianco WerdaviaRibes rosso RovadaRibes rosso Jonkheer Van Tets.

 

Tra tutti i frutti di bosco, il lampone è quello maggiormente sottoposto a coltivazione, ma è anche leggermente più esigente a livello di substrato rispetto agli altri. Per una crescita ottimale il terreno dovrebbe presentare un pH acido e, al contempo, risultare fertile e ben drenato. Non si riscontrano problemi di sviluppo a temperature basse, tanto che la pianta resiste anche fino a -20°C. Nel corso della potatura, da effettuarsi nei mesi autunnali nelle varietà unifere (ovvero quelle a singola fioritura/fruttificazione per stagione), occorrerà asportare i rami che hanno prodotto frutti; gli altri, invece, dovranno essere cimati solo al termine della stagione invernale.

Gli amanti dei lamponi potranno scegliere tra le seguenti varietà: a frutto giallo, a frutto rosso medio tardivo, a frutto rosso precoce e infine il lampone rampicante Ottawa.

 

Se il tuo desiderio è quello di coltivare mirtilli, il consiglio è di scegliere la varietà gigante (come quelle che produciamo noi), di origine americana, per la pregevole pezzatura e gusto dei frutti. Vista la presenza delle radici superficiali, è importante che il terreno presenti un substrato umido e per nulla calcareo; non sono necessari, invece, terreni profondi. Pur resistendo ottimamente al freddo, in fase di maturazione le alte temperature sono essenziali per garantire una produzione annuale abbondante, che può arrivare anche a 5 kg di frutti. Se nei primi anni è sufficiente procedere alle cimature, dal quarto occorrerà effettuare operazioni di potatura per eliminare i rami più vecchi.

Noi di SoloPiante abbiamo selezionato per voi le seguenti varietà di mirtillo: Blue RayCovilleSpartan e il mirtillo rosso americano Vaccinium Macrocarpon.

 

Anche per le more è importante scegliere varietà selezionate che presentano frutti di maggiori dimensioni rispetto a quelli selvatici. Su SoloPiante offriamo le varietà più interessanti, vincitrici anche di alcuni premi negli ultimi anni. Tra le altre, segnaliamo le “Thornfree” (che non producono spine) e la “Evergreen”, che, come dice il nome, è sostanzialmente sempreverde quindi molto decorativa e ornamentale. In tema di potatura, se il tuo obbiettivo è avere una fruttificazione copiosa, già dal primo anno dovranno essere eliminati tutti i germogli ad esclusione dei due polloni più vigorosi, oggetto di una semplice cimatura.

Altra varietà disponibile per l’acquisto è la mora “Triple Crown”.

 

Infine segnaliamo due varietà che sono ibridi tra mora e lampone: la Rubus x Loganbaccus “Tayberry” e la Rubus x Loganbaccus Thornless “Loganberry”Queste varietà sono appunto incroci tra una mora e un lampone, la “Tayberry” si presenta con un gusto più spostato verso quello di un lampone (frutto dolce, lievemente acidulo, grande e molto profumato); la “Loganberry” invece è più simile a una mora, con il frutto molto succoso, rosso scuro e di forma più allungata.

Condividi