x
Sequoia Gigante: piccoli accorgimenti per un gigante in giardino

Sequoia Gigante: piccoli accorgimenti per un gigante in giardino

- Categorie : Conifere e Abeti

La sequoia gigante (in latino "Sequoiadendron Gigenteum"), pianta di origine americana conosciuta anche come Wellingtonia, deve il suo nome ai Cherokee, che così indicavano un albero sempreverde millenario di dimensioni mastodontiche. Non a caso alla sequoia (appartenente alle Cupressaceae) viene attribuito anche un altro appellativo, quello di "Albero Mammut". Tra le piante esistenti rappresenta la più grande, a livello di volume. Si distingue dalla Sequoia Sempervirens, anch'essa molto diffusa, per la sua altezza più "contenuta"; i centimetri di differenza sono compensati da un aspetto più massiccio. Il fatto di presentare un fusto eretto e una chioma di forma conica, che tende a divenire cilindrica con il trascorrere dei secoli, la rende ancora più imponente. La sequoia si sviluppa velocemente, soprattutto nel corso dei primi anni di vita. Se in America gli esemplari più alti arrivano anche a 95 metri di altezza, accompagnati da un diametro del tronco che supera i 9 metri, nel nostro Paese non è raro incontrare alberi la cui altezza raggiunge i 45 metri. La corteccia si caratterizza per il colore rosso scuro, mentre le foglie aghiformi di tonalità verde sono lunghe circa 5 mm.

 

Messa a dimora e manutenzione 

Considerando le sue ragguardevoli dimensioni, questa pianta trova dimora nei parchi; infatti, per poter crescere adeguatamente deve poter contare su un terreno di vaste dimensioni. Prediligono terreni piuttosto profondi e leggermente acidi, oltre che freschi e umidi, meglio ancora se in grado di accumulare e conservare parte della pioggia (e della neve) dei mesi invernali; questo evitando, comunque, di formare dei ristagni. Anche la presenza di nebbia può avere risvolti positivi sul livello di umidità. L'habitat ideale per questa tipologia di alberi è rappresentato da un terreno posto a circa 1500 metri sul livello del mare (anche se la sequoia gigante può svilupparsi normalmente a partire dal livello del mare fino ai 2700 metri). Per quanto riguarda il clima, per assicurare una crescita ottimale vengono scelte esposizioni soleggiate (la pianta resiste anche a temperature di 40 gradi centigradi); non sorgono particolari problemi, ad ogni modo, nel caso in cui il terreno scelto venga a trovarsi in mezz'ombra.

Per quanto riguarda le temperature rigide invernali, non vengono richiesti particolari accorgimenti; solo degli sbalzi repentini potrebbero indebolire la pianta, soprattutto se giovane. Sempre in giovanissima età, il sole estivo dei giorni più caldi potrebbe risultare dannoso. Nel caso di periodi caratterizzati da grande siccità, gli esemplari più giovani richiedono una pacciamatura a base di foglie o torba, utili per garantire la giusta umidità alla base oppure di essere seguite con le necessarie irrigazioni. Normalmente non è necessario procedere a potatura; quest'ultima viene eseguita unicamente per eliminare i rami secchi.

Grazie al nostro sito potrai acquistare un esemplare di sequoia gigante; siamo pronti anche a fornirti preziose informazioni su ogni aspetto relativo alla vita di questo albero.

 

Curiosità

Una delle sequoie più alte in Italia si trova nel parco-arboreto del castello di Sammezzano, nel comune di Reggello in Toscana, ed arriva a 46 metri di altezza

Condividi